giovedì 10 gennaio 2019

E metà della stagione è andata

La prima parte della stagione calcistica è terminata. Si possono raccontare delle belle storie, altre davvero molto brutte. In ogni società le squadre scuotono le spalle e vanno avanti. Occorre fare passare l’inverno
Ogni ragazzo, ogni genitore, ogni responsabile del settore giovanile sta facendo un primo bilancio. Qualcuno è soddisfatto, altri completamente insoddisfatti. È il solito cinema. 
La situazione, però, oramai dovrebbe essere chiara per tutti. Non ci sono più dubbi. Adesso ognuno nelle diverse società affronterà i prossimi mesi con la piena consapevolezza delle cose che funzionano e di quelle che non funzionano affatto. 
E si incrociano le dita, affidando le speranze agli adulti responsabili e perbene dentro e fuori dal campo. Alla prossima seduta.

martedì 1 gennaio 2019

Bastonate, carotine e pericolose fregature

Il male nello spogliatoio 
Ci sono educatori, formatori professionisti e appassionati di calcio sano che stanno lavorando per costituire delle commissioni di controllo allo scopo di arginare i danni, spesso gravi e irreversibili, che gli adulti compiono dentro e fuori il campo a scapito dei giovani aspiranti calciatori. 
Il lato oscuro del pallone non smette mai di stupire. Quando si pensa di aver raggiunto un livello minimo accettabile in termini di qualità, ecco che accade qualcosa di stravolgente. 
Ci sono adulti che, probabilmente ispirandosi ai peggiori film americani, si atteggiano a sergenti di ferro, nonché ad esperti di psicologia, per mettere in riga i ragazzi, fare squadra, ottenere i migliori risultati possibili. 
Spesso, nonostante le buone intenzioni, quando queste ci sono, si rendono protagonisti di una serie di gag ai limiti del grottesco e del cafonesco, in cui si alternano senza criterio bastone e carota, a volte ricorrendo al più becero turpiloquio anche a sfondo sessuale che se reso pubblico farebbe scattare severi provvedimenti da parte delle autorità competenti (e non solo in ambito Figc). I ragazzotti delle giovanili sono sempre minorenni che stanno attraversando la delicata fase dell’adolescenza. (continua)