giovedì 7 febbraio 2019

Siete tutti ignoranti e presuntuosi

Campi di calcio del settore giovanile.  Quelli che io sono il dio del pallone e ho sempre ragione. Quelli che gli altri sono tutti ignoranti e presuntuosi, soprattutto se non condividono le mie strategie e non mi applaudono fino a fare sanguinare le mani. 
Quelli che considerano ignoranti e presuntosi i genitori dei ragazzi della propria squadra, i dirigenti sportivi, il presidente della società e i membri del suo staff, gli altri allenatori, i cittadini del mondo e perfino i bastardi alieni verdi, quindi extracomunitari, che con la loro tecnologia presuntuosa viaggiano in pochi secondi da una galassia all'altra. 
Quelli che sono più intelligenti di tutti, che si vantano di ottenere tutto quello che vogliono, di aver sposato il loro capo, di essere dei grandi manager, di essere i migliori. 
Quelli che alla fine, tolta la maschera, si rilevano dei poveri frustrati di provincia che, con la bava alla bocca per aver trovato un senso alla loro vita di merda, si ritrovano a gestire decine di ragazzini perbene e inconsapevoli di essere finiti nelle mani di gente cafona, stupida, cattiva e pericolosa. 
Perché in questa seduta di terapia di un papà nel pallone stiamo parlando di questi miseri personaggi? Sicuramente perché, come sostengono loro, siamo tutti ignoranti e presuntuosi. Alla prossima seduta.

mercoledì 30 gennaio 2019

Il pallone gira, come la fortuna

Una cosa è certa: prima o poi si uscirà dal tunnel del calcio giovanile, salvo che il pargolo vinca la lotteria, ossia per una serie di congiunture astrali, talento e un pizzico abbondante di fortuna finisca in quel numero molto misero di giocatori che entrano nel mondo del professionismo. Non è facile, anzi è impossibile e ogni tanto qualche esperto sposta l’asticella più in alto. Adesso si afferma che ci riesce un ragazzo ogni 15 mila. 
Se magari le società sportive professionistiche investissero seriamente sui propri vivai, come più volte auspicato negli ultimi anni anche ai piani alti della Figc, qualcosa cambierebbe di sicuro in positivo e l’asticella inizierebbe ad abbassarsi. 
In questi anni ho visto tanti ragazzi pescati dalle dilettantistiche e inseriti, dall'oggi al domani, in società importanti, come Atalanta e Milan. Riuscire ad arrivarci, possibilmente solo con le proprie gambe, è già un grande risultato perché consente di maturare comunque una esperienza di alto livello. Il problema vero è restarci in questo mondo e andare avanti. 
Al momento buona parte dei ragazzi che hanno approdato alle professionistiche, chi prima chi dopo, non sono stati più confermati e sono dovuti tornare indietro. Alcuni hanno preferito smettere e dedicarsi ad altro. 
Poi ci sono quelli che non avevano più voglia, che dopo anni di sacrifici a correre dietro la palla, volevano appendere le scarpe al chiodo. Invece, improvvisamente, appuntato per una serie di fortunate coincidenze, sono finiti in una professionistica e ci sono rimasti. Il pallone gira, come la fortuna. (continua)

giovedì 24 gennaio 2019

Turpiloquio estremo come metodo educativo

Ciao, mia chiamo Greg e sono il padre di Luca, un ragazzo di 14 anni che gioca a calcio. Il 2019 è iniziato con una grottesca lezione di vita. 
Delle persone illuminate mi hanno spiegato, trattandomi come un appestato rompiscatole, che il turpiloquio estremo a sfondo sessuale, la scoreggia libera e le urla di un allenatore nei confronti di giocatori minorenni servono a creare empatia, fare squadra e ottenere migliori prestazioni. Poi con un colpo di cultura a basso costo hanno aggiunto dandosi un tono che comunque “il fine giustifica i mezzi”. 
Pertanto, non mi devo scandalizzare di questo innovativo metodo educativo – sportivo e poi tutto quello che succede nello spogliatoio, ma proprio tutto, deve rimanere nello spogliatoio. Ho risposto che non sono d’accordo e come me la pensano educatori, psicologi ed esponenti delle Forze dell’Ordine ma per gli illuminati non ha importanza. 
Ecco perché nel mondo del calcio giovanile servono urgentemente delle commissioni di controllo. Ed i genitori devono stare più attenti e segnalare comportamenti scorretti, personaggi sopra le righe, metterci la faccia anche al costo di avere ritorsioni. Altrimenti, anche nel calcio giovanile, come accade nelle storie di mafia, prevale lo spirito di omertà. (continua)

giovedì 10 gennaio 2019

E metà della stagione è andata

La prima parte della stagione calcistica è terminata. Si possono raccontare delle belle storie, altre davvero molto brutte. In ogni società le squadre scuotono le spalle e vanno avanti. Occorre fare passare l’inverno
Ogni ragazzo, ogni genitore, ogni responsabile del settore giovanile sta facendo un primo bilancio. Qualcuno è soddisfatto, altri completamente insoddisfatti. È il solito cinema. 
La situazione, però, oramai dovrebbe essere chiara per tutti. Non ci sono più dubbi. Adesso ognuno nelle diverse società affronterà i prossimi mesi con la piena consapevolezza delle cose che funzionano e di quelle che non funzionano affatto. 
E si incrociano le dita, affidando le speranze agli adulti responsabili e perbene dentro e fuori dal campo. Alla prossima seduta.

martedì 1 gennaio 2019

Bastonate, carotine e pericolose fregature

Il male nello spogliatoio 
Ci sono educatori, formatori professionisti e appassionati di calcio sano che stanno lavorando per costituire delle commissioni di controllo allo scopo di arginare i danni, spesso gravi e irreversibili, che gli adulti compiono dentro e fuori il campo a scapito dei giovani aspiranti calciatori. 
Il lato oscuro del pallone non smette mai di stupire. Quando si pensa di aver raggiunto un livello minimo accettabile in termini di qualità, ecco che accade qualcosa di stravolgente. 
Ci sono adulti che, probabilmente ispirandosi ai peggiori film americani, si atteggiano a sergenti di ferro, nonché ad esperti di psicologia, per mettere in riga i ragazzi, fare squadra, ottenere i migliori risultati possibili. 
Spesso, nonostante le buone intenzioni, quando queste ci sono, si rendono protagonisti di una serie di gag ai limiti del grottesco e del cafonesco, in cui si alternano senza criterio bastone e carota, a volte ricorrendo al più becero turpiloquio anche a sfondo sessuale che se reso pubblico farebbe scattare severi provvedimenti da parte delle autorità competenti (e non solo in ambito Figc). I ragazzotti delle giovanili sono sempre minorenni che stanno attraversando la delicata fase dell’adolescenza. (continua)